History

L’ Associazione culturale Wambli Gleska è nata in Italia nel 1995 grazie alla
volontà del suo fondatore e Presidente, Dr. Alessandro Martire, per diffondere
nel nostro Paese la cultura tradizionale del Popolo Lakota, nonché promuovere riconoscimenti e rapporti internazionali con i vari “Governi Locali “ per i diritti umani della Nazione Lakota Sioux.
Il Dr. Martire e l’Associazione Wambli Gleska hanno ricevuto, dal Consiglio
tribale della Riserva di Rosebud (Sud Dakota), dove vivono i Lakota Sicangu,
e dalla Nazione Oglala Lakota di Pine Ridge, autorizzazione scritta (delibere del Consiglio Tribale e mandati di rappresentanza), per lo sviluppo di iniziative di carattere,-Scientifico Culturale – Services Umanitari, e per la tutela ed il riconoscimento dei diritti umani .

About Me

Alessandro Martire nasce a Firenze il 7-11-1960, ed è l'ultimo discendente vivente di Pietro Martire D'Anghiera - storico, diplomatico alla corte di Ferdinando ed Isabella di Spagna, e Gran Maestro dell'Ordine dei Cavalieri, nonché autore del " De Orbe Novo" scritto sui resoconti diretti appresi dall'Amico Cristoforo Colombo sulla " presunta" scoperta dell'America. Alessandro Martire, nel 1978, conseguito il diploma di maturità si reca negli Usa per un periodo di studi presso la Columbia University. Nel 1982, esegue una tesi di studio ed entra in contatto con la Nazione Lakota Sioux, delle riserve di Pine Ridge e Rosebud. L’interesse per i Popoli Indigeni Nord- Americani era presente sin dalla giovinezza e nel 1982 questa unica esperienza lega definitivamente Alessandro Martire al Popolo Lakota. Viene accettato a partecipare alle loro cerimonie sacre (danza del sole con auto sacrificio) e passa dalla religione Cristiana, con la quale crebbe, alla spiritualità dei Lakota. Negli anni 1983- 1990 si reca varie volte l’anno nella riserva di Rosebud e Pine Ridge, dove conosce la sofferenza, la paura, la povertà, la disperazione di un Popolo incapace di vedere il proprio futuro. Nel 1990 tornato a vivere definitivamente in Italia, s’iscrive all’Università di Giurisprudenza di Siena e consegue la laurea in Diritto amministrativo, seguirà poi la specializzazione in “diritto internazionale”. Nel 2002, Alessandro Martire consegue il master Europeo in “antropologia e biologia Umana”. Nel 2001 Alessandro Martire è nominato responsabile accademico di tutte le sessioni di studio sui Popoli Indigeni, nell’ambito del XV° ICAES_ Convegno Mondiale di antropologia ed etnologia che si svolge a Firenze. Alessandro è oggi il delegato in Italia e presso l’Alto Commissariato dei Diritti dell’Uomo di Ginevra, della Nazione Lakota Sioux. Nell’agosto del 2009 il SENATO degli Stati Uniti d’America con atto a firma del Senatore USA Tim Johnson, ringraziano Alessandro Martire per il lavoro giuridico internazionale svolto per oltre 26 anni (sempre come volontariato) e riconoscono ufficialmente gli atti giuridici internazionali promossi e recepiti dal Governo Italiano in favore degli Indiani Americani lakota Sioux. Alessandro Martire è stato docente associato presso l’Università degli Studi di Firenze in antropologia culturale e diritto internazionale. Alessandro Martire è Membro Onorario della Nazione Lakota Sicangu di Rosebud, delegato ufficiale in Italia dei lakota Sicangu di Rosebud e Pine Ridge, danzatore del sole e “custode” di “sacra pipa” dal 1982. Alessandro ha scritto già 5 libri sull’argomento, questo è il sesto lavoro pubblicato in occasione delle commemorazioni Vespucciane, occasione nella quale Alessandro, con i rappresentanti della Nazione Lakota vogliono dare una nuova e più veritiera interpretazione della storia e della falsa “pretesa” circa la “scoperta” dell’America da parte del navigatore Genovese, Cristoforo Colombo.